L’Arteterapia.

Trasferire i pensieri, le emozioni, ciò che si vive o si è vissuto su un foglio, una tela, un qualsiasi supporto magari creato appositamente, per mezzo del tratto, del colore o dell’incisione può essere chiamata “terapia” se per terapia si intende uno strumento utile a migliorare e tornare a uno stato di benessere.

“ L’incisione è terapeutica! “

Questo mi disse la mia prima insegnante di Grafica artistica quando incisi una lastra di plexiglass tirando fuori, con la punta, nei segni un mio intenso momento di emozioni contrastanti.

Magicamente esse si svelarono, come venendo fuori dalla nebbia, apparendomi chiare e finalmente comprensibili.

Con l’azione creativa ciò che abbiamo all’interno viene trasportato all’esterno, diventa possibile percepirlo con i sensi.

Nell’arteterapia la vista, il tatto e l’odorato diventano gli strumenti coi quali venire in contatto con i pensieri e le emozioni che altrimenti non trovano spazi di visione e condivisione, con noi stessi ma anche con gli altri.